Nasce nel dicembre della seconda metà del secolo e subito si pensa ad un nuovo avvento. Tali voci vengono presto smentite quando si viene a sapere che urla tutta la notte come un indemoniato.

Cresce in fretta ma è magrolino e svogliato nel mangiare. I genitori sono spesso costretti ad escogitare stratagemmi per fargli ingurgitare qualcosa. Si racconta che a quel tempo lo portassero in stazione a veder partire e arrivare i treni. Pare che a quello spettacolo il piccolino spalancava la bocca per la meraviglia e quelli subito vi introducevano del cibo.

Da piccolo lo si ricorda con le ginocchia perennemente sbucciate. Precocemente dimostra una viva intelligenza, spesso applicata a far danno. È ostinato e testardo: se si vuole che non faccia qualcosa è bene non proibirgliela. La faccenda funziona anche al contrario, come quando uno zio furbo gli intima di non bere dell'olio di ricino che gli altri da ore tentano di fargli assumere. Rapido, il ragazzino scola tutto! Col tempo non è cambiato molto.

Mister Soulboarder "Giufo"